Rassegna Stampa

Filtra
Categoria
Tag
02.12.22

MONZATODAY.IT (WEB)

Incendio in discarica: vigili del fuoco al lavoro

Incendio nella notte in un impianto di trattamento rifiuti.  Conclusa la fase di emergenza inizieranno le attività per verificare le cause ed eventuali impatti sulle matrici ambientali.

30.11.22

CIOCIARIA EDITORIALE OGGI

L’inquinamento c’e’, i colpevoli no.

La normativa in materia di bonifiche è basata sul principio “chi inquina paga”. Quali sono gli obblighi del proprietario non responsabile? Chi stabilisce le effettive responsabilità? Quali sono le possibili conseguenze amministrative e penali? Con che tempistiche?

L’articolo riporta un esempio di quanto possa essere lungo ed articolato l’iter da affrontare nel caso in cui venga riscontrata una situazione di contaminazione.

29.11.22

IL SANNIO

Esplosione metanodotto, rilievi dell’Arpac.

Fortunatamente senza gravi conseguenze l’esplosione e l’incendio di un metanodotto in Campania. Sono comunque incorso i rilievi degli Enti Pubblici per determinarne la causa e verificare eventuali impatti sulle matrici ambientali.

28.11.22

IMPRESEDILINEWS.IT (W EB2)

La certificazione Made in Italy che potra’ ridurre i danni ambientali provocati dalle imprese.

Lo scorso 23 Novembre Lisa Casali, manager di Pool Ambiente ha presentato ai Ministri dell’Ambiente riuniti nella sede della Commissione Europea a Bruxelles nell’ambito dei lavori della 27th Environmental Liability Directive la certificazione “Ambiente Protetto”.

La Prassi di riferimento UNI/PdR 107:2021 “Ambiente Protetto – Linee guida per la prevenzione dei danni all’ambiente – Criteri tecnici per un’efficace gestione dei rischi ambientali” è la nuova certificazione ambientale, sviluppata in collaborazione con UNI, è un innovativo documento tecnico che introduce linee guida per le imprese con lo scopo di migliorare la gestione dei rischi ambientali e rendere più efficace la prevenzione dei danni alle risorse naturali in quanto, da una analisi sui sinistri ambientali gestiti dal Pool, è emerso  il 73% di essi si sono verificati a causa della mancanza di adeguate di prevenzione e protezione.

 

25.11.22

THE POST INTERNAZIONALE

Qatarstrofe ambientale

Doha e la Fifa si vantano di aver organizzato un mondiale ad impatto quasi zero ma in realtà non è cosi, in quanto tra erba climatizzata, acqua desalinizzata del Mare del Golfo per annaffiare i campi di gioco ed emissioni di CO2 hanno già vinto la coppa dell’inquinamento.

24.11.22

CORRIERE.IT

Sversamenti di petrolio nel Mar Rosso: a rischio il super corallo egiziano

Si estende sempre più la grande macchia scura nel Mar Rosso, dovuta a delle trivellazioni di petrolio e gas a 130 chilometri a Nord di Hurghada. A rischio un’area considerata preziosa per la biodiversità marina. Infatti, siamo in presenza di inquinamento da piombo, cadmio, nichel e rame. Il governo egiziano smentisce, ma le foto satellitari e le analisi rivelano un grave danno ambientale.

24.11.22

MF

Assicurare l’ambiente

Negli ultimi 40 anni, il Pool Ambiente ha sviluppato polizze assicurative ambientali all’avanguardia con garanzie innovative e complete. Il supporto offerto alle imprese è il risultato di un’esperienza unica maturata nella gestione di sinistri ambientali che consentono ai membri del Pool di assistere al meglio le imprese assicurate nella ripresa dell’operatività, nell’espletamento degli interventi di bonifica e ripristino richiesti dalle autorità, e risarcire i terzi danneggiati.

23.11.22

GIORNALETRENTINO.IT ( WEB)

Pfas, veleni nellacqua di falda, Sostanze tossiche in Valle del Chiese. La contaminazione in corso:

Nella falda acquifera, in Valle Del  Chiese (Trentino Alto Adige) sono finite sostanze tossiche. Si tratta di Pfos, impermeabilizzanti, sostanze perfluoroalchiliche della famiglia dei Pfas che possono causare il cancro, uno sviluppo anomalo dell’ apparato genitale maschile dei bambini, problemi di tiroide e malattie del sistema nervoso. Questi veleni vengono usati nella galvanica, tecnica industriale usata per proteggere le strutture metalliche dalla corrosione. L’Arpa sta eseguendo una serie di controlli  per inquadrare in via definitiva la complessità della problematica.

 

22.11.22

METROPOLIS

Inquinamento, indagati sette imprenditori

Nella rete degli accertamenti sono finite numerose aziende della zona Vesuviana che con ordinanza della questura di Napoli sono state poste sotto sequestro per sversamento illecito, mancato smaltimento dei rifiuti, anche speciali, e tante altre irregolarità a tutela del ambiente e dei cittadini.

17.11.22

BRESCIAOGGI

Inquinamento del canale. L’Arpa scopre la fonte

Molti pensano che il rischio di causare un danno all’ambiente sia tipico fondamentalmente del settore petrolifero e chimico, senza sapere che in realtà ogni attività umana presenta un certo grado di rischio. E anche un allevamento di bovini può causare la contaminazione di un corso d’acqua per alcuni chilometri, come nel caso odierno